La superficie di Europa modellata da acqua e fango

0

Risolto uno dei misteri del satellite di Giove

Una miscela di acqua e fango che, muovendosi sotto una spessa crosta di ghiaccio, disegna un groviglio di crepe visibili sulla sua superficie. Questa è la spiegazione di quello che accade su Europa, uno dei quattro satelliti di Giove scoperti da Galileo Galilei nel 1610.

E’ quanto emerge dalla ricerca coordinata da Krista Soderlund, dell’Università di Austin, in Texas, e pubblicata sulla rivista Nature Geoscience.

I ricercatori descrivono la circolazione oceanica di Europa che ha modellato in maniera caotica la sua superficie ghiacciata. Le striature visibili coprono circa il 40% del satellite e si concentrano prevalentemente sotto il 40° parallelo, sia da Nord che da Sud. Anche se mai osservato direttamente, questo oceano nascosto potrebbe essere la chiave per risolvere il mistero della superficie di Europa.

Utilizzando modelli al computer, i ricercatori hanno scoperto che le correnti oceaniche profonde forniscono calore verso la superficie nelle regioni equatoriali. Questo riscaldamento spiegherebbe la formazione dei terreni caotici osservati alle basse latitudini.

La superficie di Europa modellata dal suo oceano sepolto
La superficie di Europa modellata dal suo oceano sepolto

Europa ha da sempre attirato l’attenzione dei ricercatori, tanto che la Nasa aveva pianificato una missione di una sonda che però non si è mai concretizzata. Il progetto inizialmente prevedeva l’invio di una sonda nell’orbita di Europa ed il rilascio di un lander che, una volta toccata la superficie la perforasse per analizzarne l’oceano liquido sottostante. Il progetto prevedeva anche una forte partecipazione dell’industria italiana, che aveva già ideato la trivella adatta allo studio dei fondali.